Come sostituire il disco C: - THE-MAX

Soluzioni informatiche Guide online Videosorveglianza
Soluzioni informatiche Guide online Videosorveglianza
Vai ai contenuti

Come sostituire il disco C:

HARDWARE
Hai deciso di sostituire o aggiungere un nuovo hard disk nel vostro computer?
nessun problema, l’operazione non è per nulla complessa e in questa breve guida ti spiegherò come fare a seconda del caso che tu intenda sostituire il dosco C: del computer, oppure se vuoi semplicemente aggiungerne uno nuovo a quello già installato.
Questa guida si riferisce alla sostituzione o all'aggiunta di un hard disk all'interno di un pc desktop. La medesima operazione applicata ad un pc notebook (portatile), si svolgerebbe seguendo la stessa identica procedura, riferendomi all'atto di sostituire il precedente disco rimpiazzandolo con uno nuovo, poichè per ovvi motivi, difficilmete un notebook prevede l'installazione di un secondo disco.

DISCO SATA SSD da 2.5"

Sia che tu abbia deciso di sostituire il tuo vecchio disco oppure di aggiungerne uno nuovo, per prima cosa occorre accertarci di avere a disposizione tutto il materiale necessario all'operazione.
Innanzitutto ci occorrono, il disco nuovo, da 3.5” oppure da 2.5” poco importa, basta che risulti ben alloggiato e bloccato in modo che non sia soggetto a vibrazioni, un cavo sata (presumendo sia un computer non troppo obsoleto, dotato quindi di interfaccia sata, altrimenti dovremo provvedere in altro modo) e verificare di avere un connettore per alimentazione sata libero, altrimenti in caso contrario occorre procurarsi e collegare un cavetto sdoppiato come quello riportato in figura sotto:

CAVETTO CON CON 2 CONNETTORI SATA


Bene una volta verificato il tutto, a computer rigorosamente spento (meglio disconnettere l’alimentatore) possiamo procedere con l’aprire il cabinet, svitando le due viti poste sul retro e togliendo la paratia laterale del computer.

Inseriamo il disco nuovo in un alloggiamento libero e fissiamolo con almeno due viti ai lati del comparto all'interno del cabinet; il disco non deve vibrare durante il funzionamento, specie se si  tratta di un disco HDD (meccanico) a testina e non un SSD (disco allo stato solido) privo di testina magnetica.

DISCO ALLO STATO SOLIDO (SSD)

 
Dopo aver fissato il nuovo disco al cabinet, colleghiamolo tramite un cavo Sata ad un connettore libero sulla scheda madre,in modo da stabilire la connessione dati. Solitamente le moderne schede madri dispongono di almeno 6 connettori Sata (Serial ATA) per poter collegare dischi e periferiche:

   
CONNETTORI SATA SULLA SCHEDA MADRE


Una volta eseguito il collegamento da scheda a disco, potremo procedere a collegare anche l'alimentazione al disco, per mezzo di un cavo di alimentazione proveniente dell’alimentatore.  Nel caso non ne avessimo di liberi occorrerà procurarsi un'apposito cavetto sdoppiato per alimentazione.

Questo è tutto, l'operazione è conclusa; abbiamo installato un nuovo hard disk nel nostro computer.
 
Ora  possiamo chiudere il cabinet ed accendere il computer e a seconda delle operazioni che dobbiamo svolgere, nel senso che se il nuovo disco deve diventare  il disco di sistema (C:) con installato sopra il sistema operativo, dovremo impostare il boot da DVD (o altra fonte) per  installare il sistema, oppure se invece si trattasse solo un disco supplementare, allora avviamo Windows e non spaventiamoci se il disco non verrà rilevato, perché ovviamente occorre prima formattarlo.
 
Per poter vedere il disco in Gestione risorse di Windows, una volta avviato il sistema  operativo (Windows), qualunque versione sia, dobbiamo avviare “Gestione disco”, quindi clicchiamo con il tasto destro del mouse sull'icona del PC, "questo PC " (in Windows 10), con Windows 7 sarà "Computer" e selezioniamo "Gestisci" oppure se abbiamo Windows 7 troveremo "Gestione" (sempre cliccando con il tasto destro del mouse su "Computer"):



Vedremo che si aprirà una finestra di controllo dove troveremo alcune utili  impostazioni di Windows, ora a noi interessa la voce "Gestione disco", quindi selezioniamo quella:



Cliccando su "Gestione disco" ci troveremo nella sezione dedicata alle unità collegate  al nostro computer, sia quelle interne, come i dischi collegati alla  scheda madre, sia quelli esterni, come le pendrive e dischi esterni usb.



Qui vedremo il nuovo disco che abbiamo collegato, anche se ancora Windows non lo riconoscerà, infatti una volta individuato il nostro nuovo disco, noteremo che questo non ha etichetta, cioè non gli è stata attribuita alcuna "lettera", e nessun volume.
Vedremo solamente uno spazio non allocato. Dovremo cliccarci sopra con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "formatta", e dovremo assegnare una lettera alla nuova unità, selezionando quelle disponibili e proposte dal sistema.
Terminata questa operazione della durata di pochi secondi, ecco che il nostro disco comparirà anche sotto la radice di Windows (Gestione risorse).






BORACINO
I prezzi più bassi del web
Videosorveglianza
 Elettronica
Nessun commento
Torna ai contenuti