Come decomprimere un file compresso - THE-MAX

Soluzioni informatiche Guide online
Soluzioni informatiche Guide online
Videosorveglianza
Vai ai contenuti

Come decomprimere un file compresso

SOFTWARE
La gestione dei file compressi può spaventare qualcuno che magari non ha mai avuto a che fare con essi, e non sa nemmeno di cosa si stratta.
Se sei alla ricerca di un programma gratuito per poter decomprimere i file compressi, in questa guida ti indicherò quali usare e in pochi istanti potrai gestire i tuoi file.



Decomprimere un file
Cosa sono i file compressi
Sempre più spesso ci si imbatte in file compressi, che per essere aperti e utilizzati necessitano di essere estratti, ovvero "tolti" dalla loro condizione di compressione o come si dice, archiviazione.
Li si riconosce grazie alla loro icona, che prende le sembianze del foftware utilizzato per comprimerli. I due compressori principali, utilizzati da tutti sono Winrar e Winzip.

Ormai la tendenza è quella di comprimere i file soprattutto per semplificare il loro spostamento. Troviamo file compressi durante i download da internet, utilizzando software in B2B come eMule o i canali Torrent oppure quando riceviamo allegati via e-mail.
 
Lo scopo di convergere uno o più file in un unico archivio, non è solo quello di comprimere i file in modo da ottenere un ridimensionamento, seppur minimo, in termini di spazio, ma di rendere il o i file in questione, un' unica cartella compressa isolata, nel senso che solo dopo averla compressa sarà reso accessibile il suo contenuto.
In tal modo in caso di download o di invio tramite posta elettronica, i firewall e gli antivirus non saranno in grado di riconoscere i file in essa contenuti e quindi agire di conseguenza.
 
Spesso infatti degli innocui file o piccoli programmi eseguibili vengono eliminati dalle protezioni di antivirus attivi in quanto considerati potenzialmente a rischio per il sistema.
 
Quali programmi utilizzare per estrarre file compressi
Personalmente non ti consiglierò di utilizzare i famosissimi Winrar o Winzip, che tra l'altro prevedono una licenza a pagamento.
 
Un ottimo programma gratuito che consiglio sempre di utilizzare per la gestione dei file compressi, è 7zip, un piccolo e leggero software in grado di svolgere egregiamente il suo lavoro.
Puoi scaricare 7zip recandoti sul suo sito e selezionando il download del file a 32 o 64 bit in base al tipo di sistema operativo installato. 7zip è compatibili con Windows dalla versione XP sp3 in poi.

Questo utilissimo programma oltre che comprimere e decomprimere file, consente di gestire i file immagine, ovvero i file ISO.

Senza doversi servire di appositi software come per esempio Daemon Tools, con 7zip è sufficiente recarsi sul filo ISO e tramite il tasto destro del mouse estrarre i file come se si trattasse di un normale archivio, e  troveremo tutti i file estratti in una cartella che 7zip creerà in una destinazione a nostra scelta sul computer.
 
Decomprimere file con 7zip
Una volta scaricato ed installato 7zip, questo creerà automaticamente una sua cartella applicativa all'interno di Esplora risorse di Windows, integrandosi perfettamente con il sistema operativo.
Per decomprimere un file sarà sufficiente cliccare con il tasto destro del mouse sul file che avrà le sembianze di una cartella compressa, posizionarsi su "7zip" e selezionare la voce "estrai files...":



Nell'esempio sopra riportato, avevo una cartella compressa, riportante la classica icona rossa dei libri di Winrar, poichè sul mio pc ho installato anche quello. Ma poco importa, avere installato altri software è irrilevante, l'importante è che hai installato 7zip.
Quindi come puoi vedere devi solo cliccare col tasto destro del mouse sopra alla cartella e selezionare "Estrai files..." per estrarre il contenuto compresso esattamente nella stessa posizione di dove si trova il file. Per esempio, nel mio caso di cui sopra, avevo il file compresso sul Desktop, e cliccando su "Estrai files..." creerò la replica esatta di tale cartella sempre sul desktop, ma in forma decompressa, la quale risulterà esattamente come una normale cartella di colore giallo di Windows:



Lasciando il percorso di estrazione come impostato dal programma, estrarremo i file in una cartella situata nella stessa destinazione del file di origine, nel mio caso il Desktop:



Attenzione:
Selezionando semplicemente la voce "Estrai qui" 7zip provvederà ad estrarre tutti i file contenuti nell'archivio, come in precedenza, ma attenzione perchè anzichè inserirli all'interno di una cartella, li estrarrà così come sono, nella destinazione indicata; se per esempio l'archivio compresso contenesse decine e decine di file al suo interno, ed io avessi cliccato su "Estrai qui" invece che su "Estrai files...", mi sarei trovato il Desktop invaso dalle decine di file estratti. Spero di essere stato chiaro spiegandoti la differenza. In ogni caso fai due prove e vedrai che comprenderai perfettamente il semplice utilizzo di 7zip, che poi è analogo a quello di altri decompressori come Winrar e Winzip.
Come noterai oltre a comprimere e decomprimere file, 7zip consente di creare un qrchivio compresso e di allegarlo già direttamente come allegato di una e-mail:




Gli altri due programmi tra i più utilizzati per gestire gli archivi, di cui ho menzionato il nome sopra, sono Winrar e Winzip, entrambi distribuiti con licenza a pagamento dopo un periodo di prova gratuito.
Molto professionali, consentono di comprimere file proteggendoli tramite crittografia durante l'invio, in modo da garantire un'elevata sicurezza contro violazioni esterne.
Inoltre è possibile attribuire una password di protezione ai file in fase di compressione, la quale permette la conseguente estrazione dei file da parte del destinatario.
Entrambi i software sono disponibili per sistemi operativi a 32 e 64 bit e sono proposti in oltre 60 lingue.
Spero che ora non avrai più dubbi su come estrarre un file compresso, e che ti sia chiara la procedura di esecuzione di questa semplice operazione.





TECNOWIDE INFORMATICA
Assistenza - Siti web
Videosorveglianza

BORACINO.COM
Videosorveglianza
Sicurezza - Informatica

Sicurezza
Nessun commento
Torna ai contenuti