Le telecamere wi-fi - THE-MAX

Vai ai contenuti

Le telecamere wi-fi

VIDEOSORVEGLIANZA
Oggi ti voglio parlare delle telecamere wi-fi, ovvero quei dispositivi di ripresa strutturati per funzionare in assenza di collegamento via cavo ma tramite onde radio, il famoso e diffusissimo segnale wi-fi.
Queste telecamere appartengono alla categoria dei dispositivi di rete (o IP) poiché soltanto tramite essa è possibile implementare un collegamento wireless.



Come funziona una telecamera wi-fi
Le telecamere wi-fi possono essere di diversi generi ed appartenere a categorie semplici, oppure a quelle più articolate, come per esempio le speed dome ptz.
Queste telecamere basano il loro principio di funzionamento sulle onde radio sfruttando il segnale di un router al quale vengono collegate per trasmettere le immagine riprese.
Il funzionamento di queste telecamere wireless è analogo a quello di altri dispositivi quali notebook e smartphone, infatti seguono lo stesso meccanismo.
Un router fornirà il segnale radio che verrà percepito dalla telecamera, consentendogli di collegarsi alla rete. Il router provvederà ad assegnare al dispositivo un suo indirizzo di ip.

Una telecamera di rete wi-fi può essere impiegata sia collegandola ad un impianto composto da altri dispositivi convergendoli tutti al videoregistratore, oppure può essere impiegata come unità a se stante, collegandosi ad essa per mezzo di un'app dedicata.
La comodità di queste telecamere wireless è facilmente intuibile.
Sono immediatamente utilizzabili dopo aver eseguito una semplice procedura di installazione, non occorrono cavi o altro materiale, e sono raggiungibili tramite l'indirizzo di rete a loro assegnato, da qualunque dispositivo online, per mezzo di una dellⁿe tante applicazioni scaricabili da internet ed installabili anche su smartphone.
Con la sola modica spesa della telecamera è possibile monitorare la propria abitazione da qualunque parte del mondo ci si trovi.
Molto diffuse sono le telecamere wi-fi per uso interno, semplici ed economiche che consentono di riprendere gli ambienti di casa e monitorarli mediante un'applicazione installabile su smartphone e tablet. Alcune di queste telecamere "all in one" presentano la possibilità di registrare le immagini riprese su una scheda di memoria microSD.

Qui puoi trovare alcui modelli tra i più validi.

Poco utilizzate se non proprio necessario, è per installazioni in ambienti esterni, dove le telecamere di rete wi-fi risentono molto delle distanze tra loro ed il router da cui ricevono il segnale, e sono soggette alle interferenze dovute agli agenti atmosferici.
Infatti per un impianto professionale si tende sempre ad utilizzare dispositivi su rete cablata, e non wireless.
Data la confusione che spesso grava sull'argomento, voglio sottolineare che il fatto di potersi collegare da remoto ad una telecamera, non è una prerogativa dei soli dispositivi di rete, ma anche le telecamere analogiche (ahd) possono essere tranquillamente raggiunte da remoto e visualizzate tramite smartphone o tablet, poiché sono gestite tramite il software del videoregistratore (dvr).
Chiaramente se si intende posizionare una o più telecamere senza eseguire un collegamento tramite videoregistratore, ma raggiungendole mediante App, allora si dovrà optare per delle telecamere di rete, che riceveranno il segnale da un router dislocato in un'area raggiungibile dal o dai dispositivi.

In pratica la differenza tra telecamere di rete (ip) ed analogiche (ahd) in un impianto di videosorveglianza, sta nel sistema di connessione:
Un cavo di rete in caso di telecamere di rete, oppure un cavo Rg59 nel caso vengano impiegate telecamere analogiche.






TECNOWIDE INFORMATICA
Assistenza - Siti web
Videosorveglianza

BORACINO.COM
Videosorveglianza
Sicurezza - Informatica

Sicurezza
Nessun commento
Torna ai contenuti